“È tempo di agire. Tutti possiamo fare qualcosa, rivedendo i nostri stili di vita. I governi, che rappresentano l’interesse di tutti noi cittadini, devono agire. L’occasione per farlo è ORA: a dicembre, a Copenaghen, nel summit delle Nazioni Unite dove i capi di stato di tutti i Paesi del mondo si riuniranno per cercare un accordo per arrestare i cambiamenti climatici”.

Così, dopo la dichiarazione di Usa e Cina di impegnarsi “non per un accordo parziale nè per una dichiarazione politica, ma piuttosto per un accordo che copra tutte le tematiche dei negoziati e abbia un effetto immediato”, la Coalizione nazionale In marcia per il clima, lancia la petizione online (<LINK:http://www.100piazze.it|_blank>www.100piazze.it) per chiedere al Governo Italiano di promuovere un’iniziativa politica forte a Copenaghen che porti a un accordo mondiale equo, solidale e vincolante per la riduzione dei gas serra e quindi di intraprendere iniziative precise e concrete nel nostro Paese per eliminare gli sprechi e migliorare l’efficienza energetica; promuovere le rinnovabili e adoperarsi per fermare la deforestazione e le emissioni associate a livello globale entro il 2020 e nelle aree critiche entro il 2015.

L’appuntamento dell’ONU, che si svolgerà dal 7 al 18 dicembre, rappresenta infatti una scadenza di fondamentale importanza, perché lì si dovrà definire un nuovo accordo mondiale, dopo quello di Kyoto, per progredire sulla strada della riduzione delle emissioni di CO2.

Dall’Italia tutti coloro che vorranno portare il loro contributo potranno partecipare a 100 piazze per il clima: il 12 dicembre infatti, le oltre 50 associazioni di In marcia per il clima, organizzeranno dibattiti, spettacoli, manifestazioni ludico-sportive, proiezioni di film e documentari sull’ambiente, mostre tematiche e incontri gastronomici, per sensibilizzare i cittadini sul tema della lotta ai cambiamenti climatici e dell’impegno che il nostro Paese dovrà assumersi al vertice di Copenaghen per contribuire concretamente alla riuscita del summit e alle azioni da intraprendere a livello internazionale per il futuro del Pianeta.

“Nelle oltre 50 organizzazioni della Coalizione nazionale – dichiarano i rappresentanti delle associazioni – si riconoscono oltre 15milioni di persone che chiedono al Governo impegni precisi per frenare i cambiamenti climatici e premono affinché dal vertice di Copenaghen si esca con una roadmap di interventi e obiettivi da raggiungere in tempi precisamente definiti. E’ necessario ripensare un nuovo modello di sviluppo cambiando il modo di produrre energia, di consumarla per muoverci, abitare, lavorare senza dilapidare le risorse comuni quali l’acqua, l’aria, la vita sulla Terra”.

Sul sito <LINK:http://www.100piazze.it|_blank>www.100piazze.it è possibile firmare l’appello Fermiamo la febbre del Pianeta indirizzato al Governo e consultare l’elenco delle iniziative di tutte le associazioni aderenti.

<COLOR:#009933>Il Movimento Difesa del Cittadino sarà a <DOC:1962|_blank>Roma, <RIF:1963|_self|>Milano<COLOR:#009933>, Firenze (con ARCI, WWF, CGIL, CISL, UDS, Firenze in Bici (FIAB), Ambiente Lavoro Toscana, CIA, Legambiente,VAS, Amici della Terra, Forum Energia, Pop Café e Ruotati “In marcia per il Clima: lascia la tua impronta” a Piazza Duomo dalle 9.00 alle 19.00) <COLOR:#009933>e Montescaglioso – MT (dalle 9.00 alle 13.00 nel centro cittadino) .

<RIF:1936|_self|>Guarda lo spot realizzato da Cittadini in TV e MDC “In marcia per il clima”

La Coalizione In marcia per il clima: Legambiente, Acli, Acli Ambiente–Anni Verdi, Adoc, AIAB, Altreconomia, Ambiente e Lavoro, Amici della Terra, ARCI, Arci caccia/CSAA, Arci Servizio Civile, Arciragazzi, Associazione Ong Italiane, Auser, Banca popolare Etica, CGIL, CIA, CISL, Cittadinanzattiva, Civitas, Coldiretti, Ctm Altromercato, CTS, Fa’ la cosa giusta!, FAI, Fairtrade Italia, Fair, Fare Verde, Federazione nazionale Pro Natura, Federconsumatori, Federparchi, FIAB onlus, FOCSIV, Forum Ambientalista, Forum Nazionale Terzo Settore, Greenpeace Italia, LAV, Lega Consumatori, Lega Pesca, Libera, Lipu, MDC, Medici per l’ambiente, Movimento Consumatori, Sbilanciamoci, Slow Food Italia, Tavola della Pace, Terra! onlus, Terra quotidiano ecologista, Terre di Mezzo, UIL, UISP, Unione degli studenti, VAS, WWF

Data pubblicazione: 18 novembre 2009

 

Leggi gli altri comunicati »