Il Movimento Difesa del Cittadino e Frodialimentari.it lanciano la guida “A Pasqua la tradizione è in tavola con consapevolezza e gusto”, perché nonostante la crisi e il crollo dei consumi durante queste festività non si rinunci alla sana e buona tavola e allo stare insieme.

La Pasqua si avvicina e con essa le offerte in supermercati e negozi al dettaglio. L’esigenza di risparmiare e gli sconti allettanti non devono farci dimenticare la qualità e la curiosità di leggere le etichette al fine di effettuare veramente la scelta migliore. E così…siamo sicuri che quell’uovo di Pasqua non costi così tanto solo per la “ricca” sorpresa? E che quel “dolce pasquale” a forma di Colomba abbia poco a che fare con il dolce più rappresentativo della Pasqua?

I prodotti tipici pasquali sono i protagonisti della guida, che offre al consumatore utili consigli su come acquistare una Colomba e un Uovo di Pasqua con un ottimo rapporto qualità prezzo.

Ricordatevi sempre di leggere le etichette di Colombe e Uova di Pasqua, in particolare la lista degli ingredienti. Che sia industriale o acquistata in pasticceria, la Colomba deve avere sempre la stessa ricetta, un mix di ingredienti così importante che è stato addirittura codificato in una legge! Assicuratevi che ci sia il burro, e non i grassi vegetali, le uova fresche e non gli ovo prodotti.

Per quel che riguarda l’Uovo di Pasqua attenzione ai prodotti troppo costosi, l’alto prezzo potrebbe dipendere dalla sorpresa e non dalla materia prima, ovvero il cioccolato. E’ importante verificare la percentuale di cacao e la presenza di altre sostanze grasse vegetali diverse dal burro di cacao. Se il cioccolato contiene fino al 5% di grassi vegetali diversi dal burro di cacao, la denominazione resta immutata ma l’etichettatura deve contenere la dizione: “contiene altri grassi vegetali oltre al burro di cacao”.

Ma l’uovo a Pasqua non è solo di cioccolato. Sulle tavole degli italiani non mancheranno cestini di uova sode colorate e decorate dai bambini. Un piccolo focus sulle uova suggerisce come comprarle leggendo le etichette, come conservarle e cucinarle.

Dolci a parte, non si potevano tralasciare le Dop e le Igp della Pasqua. Ogni regione in Italia ha il suo prodotto e la sua ricetta tipica rappresentate dalle denominazioni di origine. Noi ne abbiamo selezionate alcune per promuovere il patrimonio gastronomico certificato del nostro Paese.

E per concludere, gustose ricette di preparazioni tipiche della Pasqua per cimentarsi nella preparazione di torte tradizionali pasquali o uova di Pasqua “fai da te”!

La guida è disponibile sul sito www.difesadelcittadino.it e www.frodialimentari.it

Scarica la guida in PDF

Data pubblicazione: 22 marzo 2013