Semplificazione amministrativa

2 Commenti
  • Giovanni Stranieri
    24 novembre 2013 19:22

    Buonasera,

    Prima di parlare di rapporti via web tra PA e utenti, mi piacerebbe capire perché la PA italiana non è in grado di comunicare via Posta con i suoi utenti. Vivendo in Francia da dodici anni, dopo quasi trenta vissuti in Puglia, mi rendo conto dell’immensa differenza di comportamento tra le rispettive PA. Non ricordo di essere mai andato personalmente a uno sportello, né tantomeno a dieci sportelli, rimbalzando come una pallina da ping pong da un ufficio all’altro: ogni organismo mi spedisce via posta i formulari necessari, io compilo e firmo e rispedisco e via di seguito. I miei genitori, in Puglia, e talvolta io per loro conto, continuiamo a dovere metterci in fila dietro uno due cinque dieci sportelli per consegnare o ricevere un documento, un numero, un timbro…
    Allora, se possibile, datemi una risposta: perché la PA italiana (o quantomeno pugliese…) non puo’ o non vuole lavorare con la Posta? La gente risparmierebbe tempo prezioso per lavorare e per vivere; la Posta guadagnerebbe di più; gli impiegati dei vari sportelli lavorerebbero le loro pratiche senza l’assillo di una fila di gente arrabbiata dall’altra parte dello sportello.

    Cordiali saluti
    Giovanni Stranieri

  • pietro cosimo di castri
    21 gennaio 2014 17:00

    OSSEQUI,SOLO OGGI LEGGO LA VOSTRA CONSIDERAZIONE
    E NON POSSO FARE ALTRO CHE ASSOCIARMI A 360 GRADI
    SONO ANCHE IO IN PUGLIA ( BRINDISI), .SALUTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non è pubblicato.

*