Perché i boiler elettrici inquinano più di quelli a gas? Quali sono i vantaggi delle caldaie a pellet? Cosa offre il mercato ai cittadini? Quanta CO2 e quanti soldi si possono risparmiare acquistando una caldaia nuova ad alta efficienza? Sono i temi affrontati ieri nella puntata dal Movimento Difesa del Cittadino di , Il consumatore sostenibile nell’ambito di Usi e Consumi a Radio Latte e Miele . 

Clicca qui per scaricare e ascoltare il podcast della trasmissione !

Sostituire il boiler elettrico con uno a gas
In molti appartamenti, soprattutto nelle palazzine con riscaldamento centralizzato, è ancora diffusa la pratica di produrre acqua calda per usi sanitari utilizzando dei boiler elettrici. Produrre calore da energia elettrica (attraverso delle resistenze elettriche) non è tuttavia un sistema efficiente; il motivo risulta evidente se si considera che per produrre corrente elettrica nelle centrali tradizionali si sfrutta, con un rendimento medio ampiamente inferiore al 50%, il calore prodotto dalla combustione di fonti fossili. In tutte le zone metanizzate è quindi sempre opportuno sostituire i boiler elettrici con boiler a gas.
Produrre un kWh di energia elettrica in Italia comporta l’emissione di 0,7168 kg di CO2 mentre la produzione della medesima quantità di calore con gas metano genera 0,202 kg di CO2 [dati IPCC (con rendimento di del boiler fissato in 0,8)]. Considerando che una famiglia di 3 persone consuma circa 2970 kWhelettrici/anno (stima effettuata ipotizzando 60 litri/giorno a persona, una temperatura dell’acqua di rete di 15°C, che l’acqua venga scaldata a 50°C, che il rendimento del boiler a gas sia 0,8 e quello elettrico 0,9), con la sostituzione del boiler si otterrebbe la mancata emissione di 1450 kg/anno di CO2.
Fissato il costo medio dell’energia elettrica in 0,2 €/kWh e quello del gas metano in 0,80 €/Nm3, considerando le necessità di una famiglia di 3 persone viste nel paragrafo precedente, per scaldare l’ACS si spenderebbero circa 595 €/anno di elettricità oppure 220 €/anno di gas. Il risparmio risulta quindi essere di 375 €/anno.
Risparmio stimato in un anno: circa 375 euro / 1450 Kg CO2 equivalenti

Sostituire la caldaia a gas con una a pellet prodotto localmente
Le caldaie a pellet stanno conquistando crescenti fette di mercato, grazie soprattutto agli alti rendimenti (che spesso superano il 90%) e alla semplicità di utilizzo. Queste caldaie possono sostituire la vecchia caldaia a gas o gasolio senza dover rivoluzionare l’impianto termoidraulico esistente.
L’ampia gamma di taglie presenti sul mercato può soddisfare tutte le esigenze di calore per diversi tipi di utenza: dalle caldaiette da 25 kW per il riscaldamento in una villetta familiare fino a impianti di grande taglia (anche 1000 kW) in grado di riscaldare edifici di notevoli dimensioni.
Rispetto alle caldaie a legna, le moderne caldaie a pellet presentano il vantaggio della completa automazione del sistema di carica del combustibile. Mentre gli impianti a legna richiedono almeno un paio di cariche manuali al giorno, il pellet (così come il cippato) può essere stoccato in un apposito serbatoio o addirittura in un silo o in un magazzino dedicato, da cui viene automaticamente prelevato e immesso in caldaia mediante un estrattore pneumatico o una coclea.
Per caldaie di piccola taglia è sufficiente un serbatoio per il pellet di poche centinaia di litri, che permette un’autonomia di funzionamento di qualche giorno. Invece, per caldaie più grandi, dotate di un magazzino di stoccaggio del pellet, l’autonomia di funzionamento può essere anche di più settimane.
Risparmio stimato in un anno: circa 605 euro / 3585 Kg CO2 equivalenti

Ricordiamo che l’iniziativa Ecolife, Il consumatore sostenibile è stata lanciata da MDC in occasione della Giornata Europea del Consumatore 2016.  Nasce dal progetto europeo Ecolife (acronimo di Ecological Lifestyles for CO2 Reduction), cofinanziato nell’ambito del programma di finanziamento LIFE+ 2012 Informazione e Comunicazione della Commissione Europea e coordinato da Legambiente, che si propone di lanciare una campagna d’informazione e comunicazione sostenibile a lungo termine, volta a sensibilizzare la popolazione e a ridurre le emissioni di CO2 attraverso l’adozione di stili di vita nuovi, più rispettosi dell’ambiente ed economicamente sostenibili.

Per saperne di più su Ecolife visita www.ecolifestyles.eu

Segui la campagna su Facebook e Twitter con l’hashatg #EcolifeIlconsumatoresostenibile

Data pubblicazione: 13 aprile 2016