Precipitazioni, uso di acqua contaminata per l’irrigazione o per l’applicazione di pesticidi, oltre che attrezzature infette, sono tra i fattori che causano la contaminazione dei frutti di bosco da Salmonella e norovirus. Sono questi alcuni degli esiti di un parere scientifico sui fattori di rischio che contribuiscono alla contaminazione dei frutti di bosco freschi o surgelati come fragole, lamponi o mirtilli nelle diverse fasi della relativa filiera alimentare. L’EFSA raccomanda che i produttori applichino buone prassi agricole, igieniche e manifatturiere per contenere la contaminazione. A causa della carenza di informazioni adeguate, l’EFSA non ha potuto valutare l’idoneità dei criteri microbiologici alla produzione primaria o durante la lavorazione dei frutti di bosco.

Clicca qui per scaricare il parere scientifico

Data pubblicazione: 27 giugno 2014