Un messaggio che promette il rimborso sulla bolletta dell’energia, a patto che l’utente compili un modulo con la richiesta dei propri dati personali. La truffa che sta circolando in rete già da qualche settimana, avverte Enel, è molto pericolosa in quanto non è inoltrata né da società del Gruppo né da società da essa incaricate, quindi costituisce un modo per estorcere i dati personali dei destinatari, simile a quelli più volte denunciati da Poste o istituti bancari.

L’indirizzo sotto accusa è trrpf@ENEL.it, invitiamo quindi tutti i cittadini a eliminare la comunicazione e non eseguire l’operazione. Le procedure dell’Azienda, è bene ricordarlo, non prevedono in alcun caso la richiesta di fornire dati bancari e/o codici personali via e-mail o telefonicamente o attraverso link esterni.

Di seguito un esempio del messaggio:

enel

Data pubblicazione: 12 febbraio 2015