finalmente digitali, più curiosi e intraprendenti, che usano la rete come strumento di inclusione sociale. Nonostante sia ancora alto il numero di anziani che vive situazioni di grave disagio, dovute a problemi di natura economica e a una politica poco attenta ai loro bisogni, il fatto che per la maggior parte le nuove tecnologie siano diventate dei punti di riferimento rappresenta una risorsa e una possibilità di autotutela importante. Non è un caso che siano proprio i servizi bancari, di e di alimentazione quelli più cliccati dagli over 55”.

Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) nella dedicata agli anziani commenta positivamente gli ultimi dati emersi dal rapporto Eurisko Social Trends, per cui sarebbero 4,5 milioni gli anziani che si collegano a internet almeno 4 volte a settimana. Dalla ricerca risulta che sia proprio la maggiore esperienza a rendere gli anziani meno timorosi dei potenziali rischi del web che vedono come contenitore di informazioni utili anche per il risparmio.

“Nell’ottica di una società 2.0 che renda accessibili sempre più servizi per più persone, anche la nostra associazione si sta impegnando per diffondere una maggiore consapevolezza delle opportunità in rete. La telemedicina ad esempio, costituisce un tema su cui puntare proprio per i vantaggi in termini di costi e tempi di attesa e che consentirebbe a tanti anziani impossibilitati a muoversi di accedere comunque ai principali servizi. Per questo, nell’ambito del progetto Consumatori 2.0, abbiamo realizzato una guida alla online che sarà presto scaricabile gratuitamente dal nostro sito e attivato una mail, saluteonline@mdc.it, gestita da un esperto pronto a rispondere alle domande dei cittadini”.

Data pubblicazione: 01 ottobre 2014

 

Leggi gli altri comunicati »