L’enzima trombina viene ricavato dal sangue di suini o bovini ed è utilizzato nell’industria alimentare insieme al fibrinogeno, una proteina ottenuta ugualmente dal sangue di tali animali, per legare assieme pezzi di carne o pesce.

Gli scienziati del gruppo di esperti sui materiali a contatto con gli alimenti, gli enzimi, gli aromatizzanti e i coadiuvanti tecnologici dell’EFSA (gruppo CEF) hanno concluso che la trombina non pone problemi di sicurezza sulla base del fatto che deriva da parti di animali che sono destinate al consumo umano, purché si produca in condizioni igieniche conformi alle norme UE.

Per stimare l’esposizione alimentare alla trombina gli esperti hanno utilizzato la banca dati particolareggiata dell’EFSA sui consumi alimentari in Europa.

Fonte: Efsa

Data pubblicazione: 30 settembre 2015