Dopo aver assistito in questi ultimi tempi alla negazione di precisi diritti dei consumatori, sistematicamente ignorati dagli operatori di telefonia, sulla net neutrality e la libertà di modem siamo andati fino in fondo. Infatti, nella seduta celebratasi al CORECOM Toscana, un utente si è visto riconoscere il ristoro per una pratica commerciale scorretta connessa alla restrizione contrattuale riguardante la libertà di scelta del modem. L’Operatore ha acconsentito alla restituzione di quanto illegittimamente ricevuto con la corresponsione degli indennizzi come da Delibere AGCOM.

IL PROVVEDIMENTO

verbaleaccordo_64233

Data pubblicazione: 05 marzo 2019