Tramite un comparatore di tariffe sul web è possibile richiedere un preventivo sull’assicurazione auto gratuitamente, confrontando automaticamente decine di compagnie assicurative e i relativi costi. Se vogliamo scegliere l’assicurazione auto più conveniente, quindi, possiamo farlo grazie a internet e potremo girare per l’Italia in tutta sicurezza, garantiti per ogni tipologia di sinistro. Tuttavia, con l’arrivo della primavera si comincia a pensare alle vacanze. Se però si decide di andare all’estero con l’auto è bene sapere che l’assicurazione auto non ha validità al di fuori dell’UE: ecco quindi come tutelarsi, richiedendo la Carta Verde.

Il contratto di assicurazione auto, per i veicoli immatricolati in Italia, è automaticamente esteso a tutto lo Spazio Economico Europeo, mentre, al contrario, per i Paesi extraeuropei deve essere attivata la cosiddetta Carta Verde, ovvero un certificato internazionale di assicurazione facente parte della polizza. L’attivazione di tale documento estenderà la copertura della polizza dell’assicurazione auto in tutti i paesi extracomunitari che aderiscono al sistema Carta Verde. La scadenza della Carta è la stessa dell’assicurazione auto a cui è legata.

La Carta Verde viene rilasciata dalla Compagnia assicurativa o dall’agente che ci ha stipulato la polizza: alcune compagnie la rilasciano gratuitamente e automaticamente alla stipula o al rinnovo della polizza, mentre altre lo fanno esclusivamente in caso di richiesta dell’assicurato, a un prezzo generalmente molto contenuto, intorno ai 3 euro. La Carta Verde viene rilasciata sotto la responsabilità dell’Ufficio Nazionale di Assicurazione del Paese d’immatricolazione del veicolo.

È estremamente conveniente richiedere tale copertura assicurativa, anche perché, in caso di mancato possesso della Carta Verde, dovrà essere stipulata un’assicurazione auto temporanea presso gli uffici di assistenza turistica alla frontiera. Essa dovrà obbligatoriamente essere stipulata prima di iniziare a circolare all’interno del Paese extraeuropeo e, oltretutto, ha un costo molto superiore a quello della Carta Verde. Esistono però paesi, ad esempio Stati Uniti e Canada, che non sono aderenti all’accordo internazionale sulla Carta Verde; in questi casi sarà necessario, per circolare, attivare in loco un’apposita copertura assicurativa.

Ecco un breve elenco dei Paesi in cui è richiesto il possesso della Carta verde per poter circolare liberamente coperti dall’assicurazione auto: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Russia, Serbia e Montenegro, Tunisia, Turchia e Ucraina. Tutti i paesi esclusi non appartengono alla convenzione e quindi, in questi casi, è obbligatorio premunirsi stipulando un’assicurazione auto apposita in loco, tramite una delle compaganie assicurative dislocate sul territorio.

Esistono però anche paesi in cui la carta verde non serve, dal momento che il normale contratto di assicurazione auto prevede in modo automatico l’estensione dell’assicurazione auto per alcuni stati, anche non appartenenti all’Unione Europea: Andorra, Austria, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Cipro, Croazia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Islanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera e Ungheria.

Data pubblicazione: 14 aprile 2014