Alla fine le Associazioni di Consumatori, e il Movimento Difesa del Cittadino in particolare, la spuntano. L’Agenzia delle Entrate di Treviso risponde a un interpello di Treviso Servizi invertendo completamente la posizione finora tenuta: “Dopo la sentenza della Consulta il servizio rifiuti «risulta escluso dall’ambito di applicazione dell’Iva, anche sotto il profilo degli obblighi strumentali connessi»”.

E’ quanto fa sapere <LINK:http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Editrice/IlSole24Ore/2010/04/17/Norme e Tributi/27_A.shtml?uuid=76421748-49e5-11df-95be-0d67c1ae6a88&DocRulesView=Libero|_blank>Il Sole 24 ORE ipotizzando, plausibilmente, una prossima Risoluzione.

Finalmente l’Agenzia delle Entrate prende ufficialmente una posizione chiudendo definitivamente, e a favore dei cittadini, la vicenda della disapplicazione dell’ IVA sulla TIA.

Ma non si ferma qui: dalla sentenza 238/2009, scrive l’Agenzia, «dovrebbe derivare la titolarità del tributo in capo agli enti», e questi ultimi «dovrebbero individuare nuove modalità di definizione dei rapporti giuridici ed economici» con gli affidatari del servizio e con le società di riscossione. Passare quindi, come molti auspicano (noi compresi), dalla concessione all’appalto.

Usiamo poi le parole dell’autorevole testata economica per esplicitare il punto, per noi, più importante: “Le indicazioni dell’Agenzia impongono un cambio di rotta repentino alla maggioranza delle aziende, che avevano deciso di continuare a far pagare l’Iva anche nel 2010”.

Ci attendiamo ora che Etruria Servizi, insieme a tutti gli altri gestori, si attivino senza ulteriori indugi per restituire ai cittadini quanto indebitamente prelevato a titolo di IVA e che il Comune faccia la sua parte.

Essendo infatti la TIA, come chiarito da una Circolare Anci-IFEL, rientrata in pieno nel Bilancio Comunale, vanno fissate nuove regole sulla riscossione del tributo da parte di quest’ultimo, e tutto questo entro il 30 Aprile, termine ultimo di chiusura dei preventivi 2010.

Per quanto riguarda i rimborsi degli anni precedenti invitiamo chi ancora non lo avesse fatto a <LINK:http://www.mdc-civitavecchia.org/2009/09/09/ecco-i-moduli-per-chiedere-il-rimborso-iva-sulla-tariffa-rifiuti/|_blank>presentare i moduli di richiesta in quanto, dopo questa presa di posizione dell’Agenzia delle Entrate, si attende a breve una soluzione anche per questa vicenda.

Rammentiamo che i nostri associati di Civitavecchia (e i cittadini che intendono associarsi per sostenerci nelle nostre iniziative) potranno, con un piccolo rimborso spese, delegare a noi la compilazione e la spedizione dei moduli di richiesta di rimborso. Per informazioni ed appuntamenti potete contattare lo 0766/036164

Massimiliano Astarita – Presidente MDC Civitavecchia
<LINK:http://www.mdc-civitavecchia.org|_blank>www.mdc-civitavecchia.org
Fonte citata: Il Sole 24 Ore

Data pubblicazione: 19 aprile 2010

 

Leggi gli altri comunicati »