Nel 2010 sono state oltre 33mila ispezioni effettuate nel settore alimentare dai carabinieri del che hanno evitato che arrivassero sulle tavole degli italiani 11mila tonnellate di generi alimentari e 12,9 milioni di litri di bevande probabilmente non idonee al consumo umano. Questi, in sintesi, i dati presentati oggi dai riguardo l’attività 2010.

“Si tratta di numeri – ha detto Silvia Biasotto Responsabile del Dipartimento del Movimento Difesa del Cittadino (MDC) – che da una parte testimoniano il grave problema che rappresenta oggi la tutela della salute del consumatore a tavola e da un’altra il grande impegno degli istituti preposti al controllo in questo delicato settore. I dati testimoniano come i settori più delicati rimangano quelli della carne e allevamenti e della ristorazione. Ogni anno il Movimento Difesa del Cittadino presenta il rapporto Italia a Tavola che riporta tutti i risultati dei controlli di tutti gli istituti preposti a garantire al sicurezza alimentare. Nell’indagine emerge da vari anni il grande numero di sequestri e provvedimenti in questi due settori. E’ necessario pertanto non abbassare la guardia, ma anche preventivare delle azioni il più possibile mirate in base all’analisi del rischio. E’ vero esistono sempre dei margini di miglioramento, ma non dimentichiamoci che il sistema di controllo italiano è uno dei migliori al mondo e questo grazie anche a chi, come i Nas, svolge da sempre il lavoro in modo inestimabile”.

Data pubblicazione: 24 maggio 2011