Ormai si parla quotidianamente di e , ma quanti consumatori sanno davvero come si usano e a cosa servono queste nuove monete? Solo in pochi sanno che la vera rivoluzione del futuro dei pagamenti sta nella tecnologia che permette lo scambio di queste monete, ovvero il protocollo informatico blockchain che cambierà le nostre vite esattamente come ha fatto Internet. “Abbiamo davanti un mercato in piena espansione, con enormi capitali che si stanno muovendo già da tempo verso le applicazioni di questa tecnologia – dichiara il Presidente nazionale del Movimento Difesa del Cittadino Francesco Luongo – Parliamo di un giro d’affari che passerà dai 2,5 miliardi di dollari del 2016 a circa 20 miliardi previsti nel 2025. Nei primi nove mesi del 2017 le aziende del cosiddetto hanno raccolto 4,5 miliardi di dollari e si continua ad investire in migliaia di piccole startup che presto soppianteranno gli operatori tradizionali”.

“Dunque da una parte abbiamo un settore in totale fermento a cui l’Italia non è estranea grazie a numerose startup – aggiunge Luongo – Proprio la settimana scorsa a Milano si è inaugurato il “Fintech District, che permetterà alle 32 aziende che vi hanno aderito di trovare in Italia le condizioni per prosperare. Dall’altra c’è tutto il tema della informazione ai consumatori e delle pubblicità ingannevoli anche sui social come Facebook che invitano i piccoli risparmiatori, ad esempio, a “cavalcare l’onda del Bitcoin” quando si tratta di pericolose montagne russe con rialzi graduali e perdite anche del 20% in pochi giorni. Il mercato retail nell’era dei tassi a zero e rendimenti al lumicino ha bisogno di più informazione, spiegando ai risparmiatori quali sono i rischi e i vantaggi legati alle criptovalute ed alla scelta delle piattaforme per investirci.  Il Movimento sta vigilando su questo mercato già da tempo ed è pronto a raccogliere tutte le segnalazioni dei consumatori, riportandole a Consob e Banca d’Italia che presto dovranno intervenire su questo fenomeno”.

Data pubblicazione: 04 ottobre 2017

 

Leggi gli altri comunicati »