<<La fusione tra TIM ed Open Fiber senza meccanismi di garanzia per i consumatori e la concorrenza riporterà l’Italia al 1998, con un monopolista pubblico della rete libero di imporre agli utenti ed ai concorrenti  prezzi e condizioni  a proprio piacimento, bruciando tutti i vantaggi ottenuti in 20 anni di concorrenza  del mercato della telefonia>>. Queste le perplessità manifestate da Francesco Luongo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino, sulla spinta del Governo Gialloverde per la  nascita di una nuova Public company  nelle TLC italiane.

Per l’associazione di consumatori una rete pubblica e neutrale è un fatto positivo, ma dalle notizie circolate in questi giorni non è affatto chiaro in che modo la NewCo interagirebbe con il mercato, sia lato offerta verso gli utenti che quanto all’accesso dei concorrenti.

A preoccupare è soprattutto il paventato meccanismo di remunerazione automatica degli investimenti sulla rete (RAB o regulatory asset base) che rischia di trasformarsi in una sorta di tassa sulla rete, i cui introiti non necessariamente sarebbero orientati agli investimenti in un contesto che vede l’87% delle abitazioni raggiunto da reti broadband, di cui solo il 22% interamente in fibra.

In buona sostanza la paura dell’Associazione di consumatori è quella della nascita di un nuovo “carrozzone” che, dopo aver fatto guadagnare miliardi in borsa alle società interessate facendone volare le azioni, riporti il mercato al secolo scorso, visto che non è affatto chiaro se la Public company venderebbe anche servizi agli utenti e con quale regolazione, soprattutto quanto Net Neutrality.

Altro timore è su chi graverebbero i costi della fusione e se gli stessi saranno in qualche modo “socializzati”, ovvero fatti cadere sui contribuenti.

E’ noto l’indebitamento di TIM e il fatto che la società ha chiuso i primi 9 mesi del 2018 con una perdita di 800 milioni di euro ed un indebitamento finanziario netto di ben 25.190 milioni, in aumento di 49 milioni rispetto a Giugno 2018.

MDC invita pertanto il Governo ad evitare scelte affrettate e ad un confronto aperto sul tema con le Associazioni dei consumatori che da anni lottano per garantire ai cittadini adeguati livelli di accesso, qualità ed il giusto prezzo nei servizi telefonici e internet, portando in 6 anni, dal 2010 al 2016, il ricavo medio per utente nel settore della telefonia mobile in Italia dal 37% in Italia al -29%.

Data pubblicazione: 20 novembre 2018

 

Leggi gli altri comunicati »