Dove sono Monti e Passera? Perché non c’è un Gabinetto di crisi e lasciano solo il capo della protezione civile di fronte agli attacchi del sindaco ?

“E’ davvero inquietante questa mancanza di interventi del in un momento così drammatico per molta parte della popolazione e per le amministrazioni locali. Dove sono la Presidenza del consiglio e il Ministro delle infrastrutture? Perché non c’è un “Gabinetto di crisi” come si fa in situazioni simili? Perché si lascia la Protezione civile col suo responsabile Gabrielli alla mercé degli attacchi e degli sberleffi del sindaco Alemanno, che deve farsi perdonare molte inefficienze e quindi ricorre alla migliore difesa, cioè l’attacco ad altra istituzione? “.

Questo il commento del Movimento difesa del cittadino che si rivolge direttamente al Presidente del Consiglio Monti e al Ministro Passera per chiedere conto di una assenza totale del Governo in questi due giorni di drammatiche situazioni in tutto il Paese che conta ormai morti, feriti e danni ingenti: un Paese bloccato sia nei collegamenti nord-sud che in quelli trasversali, intere province isolate, centinaia di piccoli centri senza approvvigionamenti, decine di migliaia di famiglie senza elettricità e riscaldamento.

“Ci saremmo attesi dal Governo dei tecnici una capacità di risposta rapida, immediata, un Consiglio dei ministri straordinario, un Gabinetto di crisi, un intervento massiccio delle strutture militari. Invece regioni, province e comuni sembrano lasciati a se stessi, senza un coordinamento né sul piano dei soccorsi, né su quello degli interventi di ripristino della funzionalità dei collegamenti stradali e ferroviari. Sentiamo che tutti gli amministratori locali tengono aperti gli uffici 24 h su 24, ma se si telefona alla Presidenza del consiglio e si chiede se c’è una “cabina di regia” dell’emergenza, una voce gentile rimanda al centralino della Protezione civile. Crediamo che il Presidente del consiglio e il Ministro delle infrastrutture dovrebbero essere presenti in questo momento difficile”.

Data pubblicazione: 05 febbraio 2012

 

Leggi gli altri comunicati »