Il Movimento Difesa del Cittadino, nell’ambito della campagna #ModemLibero sta ricevendo le segnalazioni di utenti che lamentano disservizi ed inadempimenti del gestore telefonico legati, in particolare, alla consegna dei modem di cui viene taciuta la libertà di scelta.

Sono tanti i consumatori che, costretti ad acquistare il modem dell’operatore, devono attendere settimane prima di poter connettersi ad internet pur pagando il servizio dati dell’utenza!

Dai reclami trasmessi dai consumatori emergono i gravi disagi inflitti – sottolinea l’associazione di consumatori – i tanti minuti trascorsi alla cornetta del telefono per segnalare dapprima il problema al Servizio Clienti, richiedere poi spiegazioni, lamentare infine il disservizio, ed attendere, invano, il promesso arrivo di un tecnico in un dato appuntamento…

È il caso di un utente di TIM che, dopo aver attivato la promozione “Opzione Tim Smart Voce Casa” per la linea fissa e l’“Opzione Smart” internet illimitato + Modem Wi-Fi nel febbraio del 2015, dopo decine e decine di telefonate, mail e fax sta ancora lottando quotidianamente per ricevere il terminale, permanendo l’impossibilità di usufruire di un servizio che paga puntualmente da oltre tre anni!

Proprio per contrastare queste pratiche commerciali MDC e la Free Modem Alliance, un’alleanza di Associazioni e internet provider, si battono da tempo per il riconoscimento del diritto di ciascun cittadino di scegliere quali beni acquistare e di quali servizi usufruire, con particolare riferimento alla scelta dei dispositivi di telecomunicazione, come il modello terminale di accesso ad Internet.

In un contesto di incertezza normativa, il Movimento e l’Alleanza attendono il pronunciamento dell’AGCOM sulla Net Neutrality e la libertà di Modem prevista dal Regolamento 2020/15/UE

Il cittadino è e deve essere libero di scegliere e l’associazione invita gli utenti vessati dalle compagnie telefoniche a trasmettere i propri reclami tramite i siti web www.difesadelcittadino.it www.sportellodifesaconsumatori.it

Data pubblicazione: 20 marzo 2018

 

Leggi gli altri comunicati »