Prosegue la Campagna Modem Libero del Movimento Difesa del Cittadino. Dopo settimane di consultazioni pubbliche all’Autorità per le Comunicazioni sulla attuazione in Italia del regolamento Europeo 2120/15 sulla Net Neutrality, si attende il provvedimento dell’Autorità, che conterrà anche novità sulla vendita dei modem da parte degli operatori telefonici.

La norma europea impone una maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori: gli operatori  dovranno fornire notizie sulla libertà di scelta da parte degli utenti, circa il costo e l’acquisto, che potrà essere fatto non necessariamente tramite la compagnia telefonica.

Proprio la disapplicazione della norma in Italia ha portato alla nascita della Free Modem Alliance, un’alleanza di Associazioni e internet provider che si battono da tempo per il riconoscimento del diritto di ciascun cittadino di scegliere quali beni acquistare e di quali servizi usufruire.

Sono centinaia di migliaia gli utenti che hanno acquistato modem router del tutto inconsapevolmente e che solo guardando la bolletta scoprono che lo pagheranno a rate con un costo dai 150 ai 200 euro.  Una pratica commerciale scorretta ad avviso dell’associazione dei consumatori, secondo cui gli utenti possono già rivendicare il proprio diritto di libertà di scelta del modem.

Il Movimento Difesa del Cittadino da oggi ha messo a disposizione sui propri siti web, www.difesadelcittadino.it www.sportellodifesaconsumatori.it, i moduli di reclamo e richiesta rimborso nei confronti degli operatori telefonici che adottano pratiche commerciali scorrette, relative alla restrizione contrattuale sulla libertà di scelta del modem.

Il modello è scaricabile da questi link:

www.difesadelcittadino.it/reclamo-pratica-commerciale-scorretta-connessa-alla-restrizione-contrattuale-riguardante-la-liberta-scelta-del-modem/

www.sportellodifesadelcittadino.it/ModemLiberoinattesadelpronunciamentodellAGCOM.html

L’Associazione ribadisce quanto sia fondamentale che l’utente finale sia informato in modo trasparente sulle alternative a sua disposizione, al fine di poter scegliere ciò che preferisce coscientemente e consapevolmente.

Data pubblicazione: 16 aprile 2018

 

Leggi gli altri comunicati »