Proseguono le attività nell’ambito del progetto Io scrivo originale! Giornalisti made in Italy, il primo contest di giornalismo contro la contraffazione, lanciato dal Movimento Difesa del Cittadino in collaborazione con CivicaMente e cofinanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Sono 20 le che hanno aderito al progetto con il coinvolgimento di 60 classi per un totale di oltre 2000 alunni. Questa mattina a Nola si è svolto un incontro formativo con i ragazzi del Liceo Classico Statale “G. Carducci”.

Attraverso una stimolante competizione giornalistica, il progetto intende sviluppare una coscienza critica attorno alle conseguenze negative della contraffazione, fornendo ai ragazzi conoscenze dettagliate sul fenomeno e gli strumenti per contrastarlo. Facendo sentire direttamente la propria voce, i ragazzi potranno unirsi in una comune presa di posizione che è la base per compiere in futuro scelte individuali consapevoli. Oltre agli studenti sono coinvolte le famiglie, gli insegnanti e i collaboratori scolastici nonché le istituzioni che combattono tutti i giorni contro la contraffazione, dal Ministero Sviluppo Economico all’Agenzia delle Dogane, passando per la Guardia di Finanza. Il progetto si svolge in due fasi:

  • incontri formativi direttamente nelle 20 scuole che partecipano al concorso dove si creano vere e proprie micro-redazioni che lavorano sul tema della contraffazione nei vari settori commerciali interessati dal contest;
  • attività di apprendimento degli elementi base di giornalismo tramite strumenti multimediali come i Learning Object (unità di sensibilizzazione digitale formata da vari media) fruibili sul portale ioscrivoriginale.it da tutti gli utenti interessati.

A questo punto si entrerà nel vivo della Reporter Talent Competition, con tanto di votazione degli elaborati migliori e premiazione finale dei vincitori che si terrà nella città di Napoli in presenza di importanti giornalisti e rappresentanti delle istituzioni. Ogni membro della “redazione” vincitrice riceverà in regalo un tablet.

Data pubblicazione: 17 maggio 2017

 

Leggi gli altri comunicati »