Ministero dello Sviluppo Economico e quello delle Politiche Agricole e Forestale si sono impegnati a verificare in sede europea la possibilità di rendere nuovamente obbligatoria l’indicazione dello stabilimento di produzione in etichetta alimentare. E’ questo il risultato del tavolo di lavoro che si è tenuto ieri al ministero dello Sviluppo Economico per cercare una soluzione condivisa a quello che è in effetti un passo indietro nella tutela dei consumatori.
Il tavolo si era reso necessario dopo che il Regolamento UE 1169 del 2011 ha abolito l’obbligo di indicare talune informazioni, come quella dello stabilimento di produzione, in etichetta. I partecipanti all’unanimità hanno confermato l’importanza dell’indicazione della sede dello stabilimento di produzione nell’etichetta e hanno condiviso l’opportunità di verificare presso l’Unione europea un percorso in grado di assicurare la sua obbligatorietà anche a livello nazionale in un quadro di certezza e stabilità giuridica per le imprese.

Fonte: Help Consumatori

Data pubblicazione: 12 febbraio 2015