Doctor plus, il sistema di telemonitoraggio dei pazienti messo a punto da Vree Health Italia sta proseguendo il proprio percorso di sperimentazione. In questi mesi l’opportunità di testare le apparecchiature è stata data anche ai pazienti diabetici di tipo 2 in cura presso l’ospedale Sandro Pertini di Roma.

L’utilizzo degli strumenti di telemonitoraggio ha facilitato il lavoro dei medici ma, soprattutto, ha aiutato i pazienti che hanno controllato meglio la propria malattia, ricorrendo meno di frequente al pronto soccorso e a visite specialistiche non programmate.

Il kit è composto da dispositivi affidabili e facili da usare in grado di registrare e trasmettere a distanza parametri fisiologici come glicemia, pressione arteriosa e peso corporeo. L’andamento dei dati dei pazienti, ma anche le segnalazioni di anomalie non gravi, vengono caricati in tempo reale su un portale internet, salvaguardando la privacy dei pazienti.

“I pazienti – spiega Iolanda Coletta, diabetologa e referente del progetto di sperimentazione presso l’ospedale romano – vengono seguiti in maniera pressoché costante dalla centrale operativa di Doctor Plus. Gli infermieri si occupano di osservare i dati in arrivo dagli apparecchi consegnati ai pazienti. Nel caso di anomalie nei valori o di mancate misurazioni, si mettono in contatto con il paziente e, in caso di reale urgenza, allertano noi medici curanti o i servizi di emergenza”.

“I medici – prosegue  Coletta – vengono avvisati immediatamente, specialmente per quanto riguarda gli episodi gravi di ipoglicemia e iperglicemia e per gli sbalzi pressori. In queste evenienze ci mettiamo in contatto col paziente, che in casi gravi, è invitato a rivolgersi velocemente al pronto soccorso”.

a cura di Livia Parisi
Il Salvagente

Data pubblicazione: 04 dicembre 2014