Al momento stai visualizzando Disoccupazione galoppante: aumenta il rischio usura e sovraindebitamento delle famiglie in Campania: l’allarme di MDC e SOS Impresa impegnate nel progetto per la legalità “Liberiamoci”.

Secondo L’Eurostat Campania, Sicilia, Calabria e Puglia sono tra le cinque regioni europee con l’occupazione più bassa nel 2021 insieme alla regione della Guyana francese.

Un quadro desolante che aumenta i rischi del ricorso all’usura e del sovraindebitamento familiare secondo il Movimento Difesa del Cittadino e SOS Impresa Rete per la Legalità Campania impegnati nel progetto “Liberiamoci – Prevenzione e contrasto dell’usura e del sovraindebitamento”.

Non bastavano gli aumenti del 55% dell’elettricità e del 41,8% del gas uniti alla inflazione che erode i salari ed il potere di acquisto delle famiglie, a deprimere ulteriormente l’economia regionale è la piaga della disoccupazione che vede la Regione tra le ultime in Europa.

Secondo l ’istituto statistico europeo la Sicilia registra un tasso di occupazione tra i 15 e i 64 anni del 41,1%, la Campania del 41,3%, la Calabria e del 42% e la Puglia del 46,7% a fronte di un tasso medio per l’Ue a 27 del 68,4%.

Situazione ancora più drammatica per le donne con un tasso di occupazione di appena il 29,1% in Campania e Sicilia e il 30,5% in Calabria.

Altro dato che preoccupa le associazioni è quello dell’Unità di informazione finanziaria di Bankitalia nel 2021 ha registrato oltre il 23 per cento in più di segnalazioni di operazioni sospette: sono 139mila, metà delle quali “rilevanti” secondo l’esame della Guardia di Finanza.

Rischio di infiltrazioni criminali del tessuto economico che spiccano nel Lazio e proprio in Campania, con trasferimenti di proprietà rispettivamente di 4.594 attività nella sola provincia di Roma e di 2.108 in quella di Napoli.

Per MDC e SOS Impresa è importante proseguire nella campagna di sensibilizzazione dei cittadini sui rischi e sui servizi di sostegno alle vittime e/o potenziali vittime di usura e/o sovraindebitamento fornendo una informazione facile e accessibile sul territorio regionale.

 

Luigi Cuomo, Presidente di SOS Impresa, lancia <<l’allarme suicidi per molti imprenditori e capi famiglia stretti dalla crisi economica e dai debiti contratti durante il lockdown. Nel corso degli ultimi mesi si registrano nuovi e numerosi suicidi di imprenditori che decidono di sfuggire dai loro debiti uccidendosi talvolta anche nella propria impresa. È il caso del barista di Santa Brigida a Napoli che ha trovato la morte impiccandosi nel proprio bar di prima mattina a fine aprile di quest’anno, oppure della casalinga 45enne disperata a Poggiomarino nel corso del 2021, un assicuratore 40enne di Marano. A Roma un altro titolare di bar suicidatosi nel proprio bar nel maggio del 2021 sulla Tiburtina, ancora, il commercialista 55enne di Eboli suicidatosi sparandosi con il proprio fucile da caccia a maggio del 2021. Noto imprenditore di Aversa suicidatosi nella propria azienda alla fine del 2020. Casi che rilanciano l’allarme usura e sovraindebitamento in termini estremi. È necessario affrontare questa situazione lanciando una forte campagna istituzionale di comunicazione che indichi un’altra strada per uscire dal tunnel dei debiti e dell’usura. Noi ci siamo ma serve che investi in questo senso lo Stato in tutte le sue articolazioni>>.

Tutte le informazioni sul progetto e la rete degli sportelli attivi sono accessibili sul sito MDC al seguente link:

https://www.difesadelcittadino.it/portfolio-item/liberiamoci/

 

Facebook Comments